2019-03-05

Una doppietta storica – Intervista con Marie Falk

Nella storia del concorso Pro Carton Young Designer Awards, la designer svedese Marie Falk è stata la prima a conquistare il premio per ben due volte.

Dopo essersi aggiudicata l’importante riconoscimento nel 2017, Marie ha vinto per la seconda volta l’anno successivo con l’innovativa soluzione di packaging Save the Trip. Le probabilità statistiche di una nuova vittoria erano meno dell’1% (il concorso decreta 4 vincitori e le proposte in gara erano oltre 400), a chiara dimostrazione del talento di questa giovane designer nell’individuare esigenze reali e trasformarle in soluzioni pratiche utilizzando il cartoncino. L’abbiamo incontrata di recente per scoprire di cosa si occupa attualmente e che cosa ha significato per lei vincere il premio due volte.

“Ho ideato Save the Trip per consentire ai bambini di nutrirsi e al tempo stesso divertirsi durante i viaggi. L’interno dell’astuccio contiene uno spuntino sano e gustoso, mentre sull’esterno sono stampati vari giochi e parole crociate per distrarli e intrattenerli durante il viaggio. L’astuccio è interamente realizzato in cartoncino e può quindi essere facilmente appiattito e riciclato” spiega Marie.

“Il concorso invitava i partecipanti a reinventare il packaging alimentare per renderlo più divertente, piacevole e interessante per i bambini. Per la realizzazione del progetto ho tratto ispirazione dalla mia esperienza personale. Quando viaggiamo in auto, siamo spesso costretti ad acquistare prodotti alimentari nelle stazioni di servizio o nei negozi alimentari, finendo per scegliere cibi veloci, confezionati con materiali di vario tipo che devono essere poi smaltiti da qualche parte. Lavorare con il cartoncino è stato bellissimo perché è un materiale non solo versatile, ma ecologico per natura”.

Commentando la sua duplice vittoria, Marie afferma: “Stentavo a crederci! All’edizione del 2017 avevo partecipato come parte di un team, mentre l’anno seguente avevo realizzato tutto da sola: idea, design strutturale, grafica, prototipo e documentazione. Quando ho saputo di essere nuovamente arrivata in finale,  ho capito di avere realizzato qualcosa di valido, ma non avrei mai immaginato di vincere di nuovo! Ero solo felice di potere partecipare una seconda volta e rivivere l’esperienza del concorso.” Al momento, Marie non si occupa di packaging perché lavora come progettista presso Eurostair AB, il principale produttore scandinavo di scale con sede a Karlstad. Eurostair progetta e produce scale, gradini, scale a chiocciola realizzate su misura, griglie, piattaforme, rampe modulari e scale a pioli per svariate applicazioni. Tuttavia, la giovane designer segue ancora da vicino le tendenze del packaging e, sullo scottante tema dell’uso della plastica negli imballaggi, ha commentato: “Abbiamo bisogno di soluzioni facili da riciclare. Molti ritengono che sia il packaging in sé a danneggiare  l’ambiente, ma ciò di cui abbiamo realmente bisogno sono soluzioni che contribuiscano a limitare gli sprechi alimentari.”

Marie ha aggiunto: “Se esaminiamo la gran parte del packaging impiegato attualmente, ci rendiamo conto che spesso risulta difficile utilizzare tutto il contenuto. Inoltre le confezioni utilizzano una quantità eccessiva di materiali, risultando ingombranti e difficili da riciclare. Ecco perché è necessario reinventare il concetto di packaging. Le aziende dovrebbero adottare soluzioni ecosostenibili, incoraggiare i consumatori a riciclare ed essere più trasparenti riguardo ai processi produttivi adottati per garantire la tutela ambientale.”

A conclusione dell’intervista, Marie ha voluto offrire qualche consiglio agli studenti che nutrono dubbi sull’effettiva utilità del concorso per la loro carriera professionale: “Oltre alla straordinaria sensazione che ho provato nel ricevere i premi, questo concorso mi ha dato l’opportunità di prendere molti contatti nel mondo del lavoro e resta un fiore all’occhiello nel mio curriculum. Vorrei cogliere quest’occasione per ringraziare Pro Carton e le aziende che mi hanno ospitata – Iggesund, Graphic Packaging, Metsä e MMP – per la loro cordialità e la preziosa condivisione di know-how. È stata un’esperienza davvero indimenticabile.”


Pro Carton members, patrons, partners

Smurfit Kappa
Kotkamills
Pankaboard
Baden Board GmbH
Buchmann Karton
WestRock
RenoDeMedici
Storaenso
WEIG-Karton
Metsä Board
Mayr-Melnhof Karton
Mel
Kartonsan
International Paper
Iggesund
Fiskeby
Billerudkorsnas
International Packaging Group
BOBST
Heidelberg
Sappi
ECMA