2015-04-02

Siamo solo mediocri?

Lascia un commento

Ad un evento dedicato al marketing organizzato recentemente da Pro Carton e Propak Austria a Vienna, il genetista e autore di best-seller Markus Hengstschläger ha chiesto che ci si discosti dalla mediocrità. Basandosi sull’esempio di quello che chiama “l’esperimento di maggior successo del mondo”, l’evoluzione, ha affermato che l’industria dovrebbe mostrare maggior coraggio, sostenere l’individualità e la creatività. Anche la filiera del packaging può imparare qualcosa da questo principio: a partire dal punto vendita.

Il futuro non è mai stato così prevedibile. “Cento anni fa un giovane sapeva che, qualsiasi competenza avesse acquisito nel suo lavoro, sarebbe durata fino alla pensione. Nell’anno del cambio di millennio, il 2000, si affermò che il genere umano raddoppia le proprie conoscenze ogni dieci anni. La cosa era ancora gestibile: con l’apprendimento continuo (il lifelong learning) si sarebbe potuto restare competitivi. Ma oggi tutto questo non è più possibile. Tutto quello che impariamo o insegniamo raddoppia ogni 24 ore”.

 

La base del futuro

“Mai come oggi si sono avuti tanti cambiamenti nell’arco di una sola generazione. Oggi nessuno sa in che modo comunicheremo tra 20 anni. Come facciamo ad equipaggiarci per il futuro?” Qui non si tratta di una necessità per gli stati del Golfo: loro hanno il petrolio. Né si tratta di qualcosa di necessario per i paesi con un costo del lavoro basso, che semplicemente producono quello che altri inventano. “La maggior parte dei paesi europei non ha il petrolio ed ha un costo del lavoro alto, quindi dobbiamo pensare a come prepararci per il futuro”.

“Immaginiamo un gruppo di scolari nella palestra della scuola: ogni tanto arriva una palla e bisogna cercare di prenderla. Non è un gran problema. Ma oggi le palle arrivano da tutte le direzioni.” E qui le analisi statistiche non ci aiutano granché. “Se, ad esempio, arrivano 10 palle da un punto in alto a sinistra e 10 da un punto in basso a destra, qual è la media? Il centro. Quindi l’insegnante di ginnastica dice ai suoi ragazzi di mettersi al centro, anche se in realtà nessuna palla arriva da quel punto. Il risultato è trascurabile”.

Per la stessa ragione, spesso si consiglia ai giovani di stare al centro, dove stanno tutti, perché se tutti fanno così non potrà essere così sbagliato. “Ma il risultato resta scarso. Se non sappiamo cosa ci porta il domani, dobbiamo essere flessibili”.

 

L’esperimento di maggior successo al mondo

I genetisti lo conoscono bene. Un esempio: “Gli Cnidari vivono nelle pozzanghere: sono creature estremamente piccole, che non si vedono a occhio nudo. Si riproducono per via asessuata, per scissione; si tratta di un processo molto rapido e la prole è identica al genitore. Se le condizioni sono buone, una pozzanghera può essere abitata da miliardi di Cnidari, ma se la temperatura aumenta di qualche grado nessuno sopravvivrà.

Se un’azienda lancia un prodotto di successo, lo riprodurrà più velocemente possibile fino a che il mercato non sarà saturo e l’azienda non sarà diventata predominante. “Indubbiamente una tale situazione assicura un successo a breve termine, ma è molto pericolosa nel lungo termine. Se si verificasse un evento “x”, un evento straordinario, l’azienda sarebbe colta impreparata. Ecco, nel futuro avremo molti più eventi “x” di quanti ne abbiamo avuti in passato”.

Se si verifica un evento imprevisto e tutti siamo diversi, ci sarà sempre qualcuno che sopravvive. “Più talenti diversi abbiamo, più probabile sarà che qualcuno abbia la risposta ad una domanda che oggi ancora non conosciamo. L’evoluzione è l’esperimento di maggior successo che si sia mai fatto nel mondo perché siamo tutti diversi, e abbiamo abbastanza risposte per le domande del futuro! Ma il problema è che non sfruttiamo la maggior parte di questi talenti perché ancora non conosciamo le domande”.

 

Gestire il futuro

L’industria deve ripensarsi. “Non abbiamo bisogno di geni o di mostri, ma di giovani laureati che non costino tanto e che facciano quello che viene chiesto loro. Ci vuole qualcuno desideroso di percorrere nuove strade e pronto ad abbandonare le vecchie. Ovvio che tutto questo va gestito nelle imprese, e naturalmente costa soldi; ma si tratterebbe di denaro che verrebbe recuperato rapidamente. Dobbiamo creare strutture che diano la massima libertà creativa all’individuo!”.

Ma come gestire tutto questo? Con un giusto mix di progetti sicuri e progetti rischiosi. Per gestire il futuro occorrono due cose. “Una è ricalibrare il rapporto tra rischio e sicurezza praticamente ogni giorno: ossia si devono sostenere abbastanza progetti sicuri da potersi permettere anche quelli rischiosi. E in secondo luogo, quello che manca in termini di talento non può essere dato da una sola persona: si deve sostituire l’intelligenza personale che manca con l’intelligenza interpersonale. La competenza sociale deve compensare ciò che l’individuo non può fare da solo”.

 

Un nuovo approccio per tutta la filiera

Con tutti questi esempi Markus Hengstschläger ci vuole dimostrare quanto sia importante non cadere nella trappola della mediocrità. Ciò vale per tutti i settori dell’industria: dalla gestione del personale allo sviluppo del prodotto, al marketing o al packaging… solo la massima libertà creativa dell’individuo ci permetterà di trovare le risposte di cui abbiamo bisogno per il futuro.

E la filiera del packaging non ha che da imparare da questo principio. Mentre prima bastava trovare una soluzione migliore per lo stesso problema, oggi dobbiamo esaminare ipotesi completamente inedite, e ciò vale per tutte le imprese che fanno parte della catena della creazione del valore. Nessuno sa esattamente dove ci porterà lo sviluppo, ma chi si limiterà ad aspettare gli eventi perderà il treno.

La filiera del packaging dovrebbe applicarsi per trovare soluzioni di packaging che rendano possibile ciò che al momento è ancora impensabile, con aspetti che soddisfino ipotetici requisiti futuri che potrebbero essere completamente diversi da ciò che conosciamo, e questo vale anche per il punto vendita, che oggi è ovunque.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Pro Carton members, patrons, partners

Barcelona Carton
Pankaboard
WestRock
RenoDeMedici
Storaenso
WEIG-Karton
Metsä Board
Mayr-Melnhof Karton
Mel
Kartonsan
International Paper
Iggesund
Fiskeby
Buchmann Karton
Billerudkorsnas
Kotkamills
International Packaging Group
BOBST
Heidelberg
Sappi
ECMA