Foreste gestite in modo sostenibile

Le foreste danno lavoro e sostengono le comunità rurali, oltre a creare opportunità di svago e ricreazione. Le foreste gestite in modo sostenibile bilanciano le preoccupazioni ambientali, sociali ed economiche per soddisfare le esigenze di oggi, garantendo al contempo le foreste per le generazioni future. Forniscono anche la materia prima per l'industria del cartone.

  • Le foreste hanno molte funzioni: ecologiche, economiche e sociali. Le foreste forniscono lavoro, reddito e materie prime per l'industria e l'energia rinnovabile.
  • Le foreste coprono alcuni 159 milioni di ettari d'Europa o quasi 40% della superficie dell'Europa.
  • Le foreste europee utilizzate dall'industria della carta e del cartone sono sostenibili. Non solo sono una risorsa rinnovabile, ma ogni anno la nuova crescita supera il legno raccolto di un'area equivalente a 1500 campi da calcio ogni giorno.
  • Le foreste europee stanno crescendo: Sono cresciute di 58.390 km2 tra il 2005 e il 2020.
  • Le aree forestali oggi sono più grandi di 30% rispetto agli anni '50.
  • I principali fornitori di fibra di legno per il cartone sono le foreste in Svezia, Finlandia, Germania, Francia e Austria.

Il Strategia forestale dell'UE include una tabella di marcia per piantare 3 miliardi di alberi entro il 2030, oltre ai 3 miliardi che si stima cresceranno da soli entro la fine del decennio. La strategia forestale dell'UE per il 2030 fa parte del pacchetto Fit for 55 presentato dalla Commissione europea nel 2021. Sotto l'ombrello della Confederazione delle industrie cartarie europee (Cepi), l'intera industria della cellulosa e della carta, comprese le aziende che possiedono e gestiscono le foreste, sostiene la strategia forestale dell'UE. La nostra industria crede che gli sforzi coerenti di afforestazione e riforestazione dovrebbero essere fatti in stretta collaborazione tra le autorità nazionali e le aziende in tutta Europa.

La silvicoltura sostenibile è "la gestione e l'uso delle foreste e dei terreni forestali in un modo e a un ritmo che mantenga la loro biodiversità, produttività e il loro potenziale per adempiere, ora e in futuro, alle funzioni ecologiche, economiche e sociali pertinenti, a livello locale, nazionale e globale, e che non causi danni ad altri ecosistemi" (Accordo europeo, Helsinki, 1993).

La gestione forestale sostenibile è praticata da proprietari e operatori forestali europei che applicano i principi dello "sviluppo sostenibile" nella gestione delle loro foreste. Questi coprono aspetti ambientali, economici e sociali. Le foreste europee utilizzate dall'industria della carta e del cartone sono sostenibili, il che significa che ogni anno vengono piantati più alberi di quanti ne vengano raccolti.

L'industria forestale europea ha accettato i principi dello sviluppo sostenibile e pratica una gestione forestale sostenibile. Questo comporta

  • Leggi e accordi vincolanti
  • Leggi e regolamenti nazionali
  • Legislazione UE
  • Accordi internazionali come la Convenzione sulla Biodiversità
  • Azioni volontarie
  • Politiche aziendali che superano i requisiti legali
  • Certificazione delle foreste
  • Obiettivi di gestione propri dei proprietari di foreste

La pratica della "gestione attiva delle foreste" comporta il taglio degli alberi più vecchi per creare uno spazio sano per far crescere i giovani alberi. Gli alberi giovani assorbono più CO2 rispetto agli alberi più vecchi. Quando gli alberi vengono raccolti in questo modo, nulla viene sprecato. Un albero può essere una fonte di più di 5.000 prodotti:

Quanto ne sapete del cartone?

Rispondi al nostro quiz e scoprire il vostro livello di abilità - e se vi iscrivete entro venerdì 30 settembre 2022, avrete la possibilità di vincere un fantastico premio!

Nel 2019, oltre 500 milioni di piantine sono state consegnate per la semina in Finlandia, Norvegia e Svezia, pari a:

0

Piantine

Dal momento che hai cliccato su questa pagina web

Il cartone e la carta sono fatti di fibre di cellulosa. In Europa circa 50% di carta e cartone sono basati su fibre di cellulosa derivate direttamente dagli alberi (cartone vergine). Mentre il resto è derivato da carta e cartone recuperati (cartone riciclato), anche questo materiale dipende dall'essere mescolato con fibre derivate dal legno. Le cartiere europee di carta e cartone si riforniscono principalmente di materie prime locali. Il legno proviene principalmente da foreste in Svezia, Finlandia, Germania, Francia e Austria. Le foreste europee utilizzate dall'industria della carta e del cartone sono sostenibili, poiché la crescita annuale di nuovo legno supera di gran lunga la quantità raccolta.

L'industria della carta e del cartone utilizza i diradamenti delle foreste e solo una parte dell'albero maturo: le cime di piccolo diametro dei grandi alberi e gli scarti delle segherie. Nessuna foresta tropicale viene distrutta per produrre carta e cartone.

Abbattitrice che lavora i tronchi nella foresta

La catena di custodia è il termine usato per tracciare l'origine della materia prima (fibra di legno primaria) in ogni fase del processo di produzione fino al prodotto finito.

Per dimostrare che il legno usato nei prodotti finiti proviene da una foresta gestita in modo sostenibile, i produttori che producono beni da questa materia prima hanno bisogno di un certificato di catena di custodia.

La certificazione della catena di custodia è rilasciata da un organismo indipendente. Solo quando l'intera catena di approvvigionamento è stata certificata, i prodotti finali possono essere venduti con un'etichetta e una dichiarazione corrispondente sulla documentazione di accompagnamento.

Per i prodotti forestali come i cartoni, certificare la catena di custodia significa verificare che il legno utilizzato in ogni fase del processo produttivo provenga da una foresta certificata come gestita in modo sostenibile. È valida solo se ogni fase della catena di approvvigionamento viene controllata.

Per i produttori e i rivenditori di merci, il valore della certificazione consiste nel poter etichettare i loro imballaggi di cartone come provenienti da una foresta gestita in modo sostenibile.

Con un aumento costante delle certificazioni forestali, è improbabile che qualsiasi altro settore industriale possa eguagliare le industrie di prodotti forestali nel dimostrare lo stesso livello di impegno per la sostenibilità.

Immagine per gentile concessione di UPM-Kymmene Oyj

I proprietari e gli operatori forestali che desiderano dimostrare che la loro pratica di gestione forestale è conforme allo standard appropriato possono rivolgersi a enti di controllo indipendenti e di terza parte per una valutazione delle loro prestazioni.

Punti chiave sulla certificazione della gestione delle foreste:

  • Verifica che una foresta è stata gestita secondo un insieme definito di standard di rendimento
  • La certificazione forestale può coprire la gestione delle foreste, la gestione delle piantagioni e, in futuro, l'energia da biomassa
  • Gli obiettivi di gestione dei proprietari di foreste sono specifici del paese e i requisiti non sono identici in tutto il mondo. Perciò alcuni schemi sono più attraenti di altri per i proprietari di foreste.
  • Fornisce un logo che comunica la gestione sostenibile delle foreste

I dati raccolti dalla European Paper Industry Association mostrano:

  • 89.8% di foreste di proprietà o gestito dall'industria europea della cellulosa e della carta sono certificati per la gestione delle foreste
  • >90% del legno di cellulosa che utilizziamo proviene dall'UE
  • 89.8% della cellulosa acquistata dall'industria europea della cellulosa e della carta è certificata
  • 73.8% Il legno, il cippato o i residui delle segherie che acquistiamo provengono da foreste certificate

Un certo numero di schemi di valutazione o "certificazione forestale" sono in uso corrente, con due schemi leader.

Mentre c'è una sovrapposizione nei tipi di foreste certificate da questi due schemi, lo schema FSC è più generalmente applicato a grandi aree forestali tipiche della proprietà statale e dell'industria forestale, mentre il PEFC è generalmente usato per la certificazione di piccole foreste private e familiari.

Schema PEFC™ (Programma per l'approvazione della certificazione forestale)

Il Consiglio PEFC è un'organizzazione indipendente e senza scopo di lucro fondata nel 1999 che promuove la gestione sostenibile delle foreste attraverso la certificazione di terzi indipendenti. Il PEFC garantisce agli acquirenti di prodotti di legno e carta che stanno promuovendo la gestione sostenibile delle foreste. Con più di 300 milioni di ettari di foreste certificate (due terzi dell'area certificata del mondo), PEFC è il più grande schema di certificazione.

Schema FSC® (Forest Stewardship Council)

L'FSC è un'organizzazione indipendente e senza scopo di lucro fondata per promuovere la gestione responsabile delle foreste del mondo. Fornisce servizi di standardizzazione, garanzia del marchio e accreditamento alle aziende e alle organizzazioni interessate alla gestione responsabile delle foreste.

Altri fatti sulle foreste e sul cartone

  • Circa 31% della terra è coperta da foreste (www.fao.org).

  • L'area di foresta nell'UE è aumentata di quasi 10% nel 1990-2020 (Eurostat).

  • Le foreste di conifere forniscono la principale materia prima per le industrie basate sul legno, compreso il cartone.

  • L'Europa ha circa 16 milioni di proprietari di foreste private (www.cepf-eu.org), e meno di 4% delle foreste europee sono di proprietà delle aziende cartarie europee.

  • Nel 2018, circa 520.000 persone lavoravano nella silvicoltura e nell'industria del legname nell'UE, con la Polonia che occupava la maggior parte, circa 73.300 persone (Eurostat).

  • Le foreste più grandi sono in Finlandia e Svezia, dove rappresentano rispettivamente 75% (www.visitfinland.com) e quasi 57 % (www.sveaskog.se) della superficie.

  • Le foreste europee sono abbastanza grandi da fornire tutta la fibra necessaria all'industria del cartone su base sostenibile. L'83% delle materie prime del settore proviene in Europa da foreste gestite in modo responsabile.

  • Nell'Europa settentrionale le principali specie di alberi usati per la produzione di carta e cartone sono l'abete rosso, il pino e la betulla.

  • In Spagna e Portogallo, l'eucalipto è coltivato commercialmente.

  • Nessuna foresta pluviale tropicale viene distrutta in Europa per produrre carta e cartone - il legno non è tecnicamente adatto.

  • Il consumo mondiale di legno è di circa 3.500 milioni di metri cubi all'anno. Più di 50% di questo volume è usato per il combustibile e 30% per i prodotti di legno segato. 12% del legno raccolto è usato per carta e cartone, meno di un decimo del quale è usato per il cartone.

  • Nel 2020, l'UE aveva circa 159 milioni di ettari di foreste.

Coltivare alberi in modo sostenibile aiuta a mitigare il cambiamento climatico

Gli alberi crescono assorbendo anidride carbonica e rilasciando ossigeno. Crescendo, gli alberi rimuovono il carbonio dall'atmosfera e aiutano a invertire l'"effetto serra". Questo è noto come "fissaggio" del carbonio.

Gli alberi assorbono l'anidride carbonica con un processo noto come fotosintesi. Alla luce del sole, gli alberi convertono l'anidride carbonica e l'acqua in zuccheri semplici e ossigeno. Lo zucchero viene polimerizzato naturalmente in fibre di cellulosa.

Un metro quadrato di legno sequestra una tonnellata di carbonio e rilascia 0,7 tonnellate di ossigeno, quindi le foreste svolgono un ruolo importante nella prevenzione del riscaldamento globale e nella pulizia dell'aria. Vedi Impronta di carbonio di un cartone.

Ciclo di vita del cartone ...