Efficienza delle risorse

Efficienza delle risorse significa usare le risorse limitate della Terra in modo sostenibile ed efficiente. Questa è una grande sfida che affronta oggi tutta la produzione.

L'industria del cartone è all'avanguardia nella sostenibilità e nell'efficienza delle risorse. Sviluppare una comprensione più completa dell'uso delle risorse dell'industria è molto importante per l'industria e per i suoi clienti. L'industria europea del cartone è impegnata a diminuire la quota di fornitura di energia di origine fossile. Questo include l'utilizzo di una quota crescente di energia ricavata dai sottoprodotti del suo processo di produzione, cioè da risorse rinnovabili.

Packaging preserva le nostre risorse

L'imballaggio preserva le nostre risorse proteggendo efficacemente le merci e allo stesso tempo conservando più risorse di quelle che utilizza. I fattori significativi nel preservare le nostre risorse includono:

  • La scelta del materiale di imballaggio
  • Innovazioni nell'imballaggio per incorporare e migliorare le sue caratteristiche sostenibili
  • Riutilizzare e riciclare gli imballaggi
  • Energia efficienza del processo di produzione

La capacità di recuperare e riciclare gli imballaggi usati alla fine del loro ciclo di vita aiuta anche a risparmiare risorse. Gli ultimi studi dimostrano che una fibra di cartone può essere riciclata più di 25 volte.

L'uso delle materie prime come categoria di risorse copre il materiale vivente (biotico) e non vivente (abiotico). Nel contesto delle risorse utilizzate per produrre imballaggi in cartone, il materiale biotico copre le fibre di legno della foresta, utilizzate come materia prima per il cartone - Una risorsa rinnovabile. Il materiale abiotico include l'energia fossile usata per bruciare carbone e gas e anche i minerali per la produzione del cartoncino. Queste risorse non sono rinnovabili e l'industria è impegnata a trovare modi per ridurre l'uso di queste risorse e/o sostituirle con alternative rinnovabili o ecologiche.

I principi di ecodesign applicati alla fabbricazione di un prodotto dovrebbero portare all'uso efficiente delle risorse.   Per un cartone non esiste la parola "fine vita". I cartoni sono una risorsa preziosa come materia prima per nuovi imballaggi. Il riciclaggio è il modo migliore per sostenere il modello di economia circolare. Il compostaggio è al secondo posto, l'incenerimento è l'opzione meno desiderabile per l'uso dei rifiuti post-consumo. Vogliamo che tutto il materiale in fibra torni al processo di produzione - ogni cartone conta!

L'eco-design è un aspetto importante della Resource Efficiency, che influenza la prevenzione dei rifiuti e il miglioramento della riciclabilità.

La gestione dei rifiuti è un fattore chiave per l'efficienza delle risorse e la prevenzione dei rifiuti è al primo posto. Ridurre la quantità di rifiuti generati nel processo di produzione degli imballaggi in cartone è stato un obiettivo centrale per l'industria per molti anni, che ha riconosciuto da tempo i benefici economici e ambientali della riduzione dei rifiuti.

I benefici ambientali del recupero della carta per l'uso come materia prima secondaria sono ben apprezzati e i produttori di cartoncino stanno lavorando per ottimizzarne l'uso e ridurre così gli scarti. L'aumento dell'efficienza nella preparazione dell'impasto attraverso investimenti in tecnologie moderne ha portato ad un aumento del recupero delle fibre recuperate, di diverse migliaia di tonnellate all'anno, e alla riduzione degli scarti del processo produttivo.

I produttori di cartoncino hanno lavorato per alleggerire i loro prodotti per molti anni.  Per esempio, un imballaggio di cartone per prodotti alimentari congelati è 20% più leggero oggi di quanto non fosse negli anni '70. (Fonte: INCPEN)

I produttori del cartone stanno anche lavorando continuamente per ridurre la quantità di materiali usati e sono stati ottenuti risparmi sostanziali attraverso soluzioni di design intelligenti. Per esempio, riducendo i lembi sui cartoni per biscotti.

Una buona riciclabilità dei cartoni usati dipende anche da una buona progettazione ecologica. Le fasi di pianificazione e progettazione delle soluzioni in cartone contribuiscono in modo significativo alla prevenzione dei rifiuti.

Anche le scelte informate dei materiali ausiliari come gli inchiostri e i rivestimenti sono fondamentali per un buon eco-design.   Gli inchiostri a foglio integrano fino a 100% di oli vegetali rinnovabili e offrono miglioramenti significativi, compresa la riduzione delle emissioni di VOC (Volatile Organic Compounds). I trasformatori realizzano risparmi significativi nel consumo di energia grazie alla rapida impostazione durante il processo di stampa o alla riduzione degli sprechi di carta grazie al rapido avvio della produzione.

L'industria europea della cellulosa, della carta e del cartone è leader nell'uso sostenibile dell'energia. La maggior parte di tutta l'energia primaria usata nell'industria è basata sulla biomassa, con i sottoprodotti del legno che forniscono energia rinnovabile sotto forma di elettricità e vapore per il processo di produzione.

L'industria è il più grande produttore e consumatore di energia basata sulla biomassa che aiuta ad evitare l'uso di fonti di energia non rinnovabili come il petrolio, il carbone o il gas a base fossile. Questo significa anche che l'industria è più efficiente dal punto di vista del carbonio.

Più di 90% delle fabbriche di cartone europee hanno installato impianti di cogenerazione (CHP), principalmente basati su biomassa e gas naturale. Sia l'energia che il calore prodotti sono utilizzati nelle cartiere. Il loro consumo di energia è diminuito di 10,5% tra il 2010 e il 2018.

La biomassa è materiale biologico proveniente da organismi viventi recenti ed è una risorsa rinnovabile. L'energia da biomassa è generata dalla lavorazione di materiale biologico, di solito materia vegetale. Nell'industria del cartone, la spappolatura chimica delle fibre di legno produce un sottoprodotto che viene usato come fonte di energia per il processo di spappolamento. Nelle fabbriche di cartone integrate, dove la pasta di legno e il cartone sono prodotti nello stesso sito, i sottoprodotti del legno forniscono energia sotto forma di elettricità e vapore per il processo di produzione. Questa fonte di energia è quindi rinnovabile e sostenibile.

Le fabbriche di cartone stanno contribuendo fortemente al miglioramento dell'energia da biomassa. Si stanno facendo investimenti nelle fabbriche di cartone per eliminare completamente tutte le emissioni di carbonio fossile passando dalla fornitura di energia dai combustibili fossili, come il gas naturale, ai biocarburanti. Tutta la produzione sarà quindi alimentata da biocarburanti e le cartiere saranno autosufficienti per quanto riguarda l'elettricità e l'energia termica sotto forma di vapore.

L'acqua è un elemento essenziale per la produzione di carta e cartone. L'acqua agisce come legame tra le fibre, e nel processo di produzione è necessaria per il trasporto, la pulizia, come solvente, il trasporto di energia sotto forma di vapore e anche nel raffreddamento delle unità di processo. L'acqua viene utilizzata:

  • per trattare i prodotti chimici - le fabbriche di cartone usano l'acqua per preparare e diluire i prodotti chimici
  • come mezzo di raffreddamento - utilizzato in varie parti del processo di produzione
  • come mezzo di trasporto - le fibre sono trasportate attraverso il processo di produzione in acqua. Quando la pasta raggiunge la macchina per il cartone è 99% acqua e la maggior parte di quest'acqua viene poi riutilizzata.
  • per produrre vapore - il vapore è usato per riscaldare l'attrezzatura di processo, compresi i cilindri di essiccazione sulla macchina per il cartone

L'acqua viene solitamente prelevata da una fabbrica di cartone da una fonte superficiale vicina, come un lago o un fiume. 95% dell'acqua utilizzata nell'industria europea viene pulita e riutilizzata in loco. Tutte le acque reflue sono purificate in loco in conformità con i regolamenti e gli standard europei, prima di essere restituite all'ambiente. Più di 90% dell'acqua utilizzata nel processo di produzione viene pulita e restituita all'ambiente.  Le fabbriche di carta e cartone stanno lavorando per ridurre ulteriormente l'uso dell'acqua. L'acqua nel processo di produzione viene pulita e riutilizzata più volte. Tutti i processi di produzione riducono al minimo l'uso di acqua dolce. Il risultato negli ultimi due decenni è stato ridurre il prelievo di acqua dolce di 20% in volume totale, un contributo significativo per proteggere il nostro ambiente.

I metodi di trattamento dell'acqua prima che venga scaricata dalla fabbrica di cartone variano da sito a sito a seconda delle condizioni locali e sono regolati da permessi ambientali.

  • Trattamento meccanico: L'acqua scaricata viene convogliata in aree controllate dove le particelle di fibra affondano sul fondo e vengono completamente rimosse prima che l'acqua pulita venga scaricata nuovamente nell'ambiente.
  • Trattamento biologico: Le sostanze organiche che si trovano nell'acqua scaricata vengono scomposte con l'aiuto di microrganismi, in modo simile al processo naturale. Solo l'acqua pulita lascia la fabbrica.
  • Trattamento chimico: L'acqua di scarico viene trattata con prodotti chimici che fanno precipitare i contaminanti, dopo di che vengono completamente rimossi meccanicamente. L'acqua riceve regolari controlli di laboratorio prima di essere scaricata nuovamente nell'ambiente.

L'idea di fornire un'impronta per l'uso dell'acqua sta diventando sempre più importante e, oltre al carbonio, l'acqua è una risorsa di cui l'industria della carta e del cartone deve tenere conto. Ridurre al minimo il consumo di acqua dolce e riutilizzare l'acqua nei processi di produzione è una priorità per l'industria. Valutare l'uso dell'acqua è ancora più impegnativo che misurare le impronte di carbonio. Per prepararsi a questo, la Confederazione delle industrie cartarie (Cepi) è membro del Water Footprint Network e di altre associazioni correlate che cercano di contribuire allo sviluppo di una metodologia e di condividere l'esperienza acquisita attraverso il coinvolgimento nella certificazione forestale.

Nel 2008, CEPI ha sviluppato nuove definizioni per l'uso dell'acqua con una prospettiva locale e ha creato un profilo dell'acqua utilizzata per la fabbricazione di pasta di legno e prodotti di carta nei suoi paesi membri. Nel 2019, CEPI ha aggiornato questo profilo e ha scoperto che le aziende associate hanno ritirato circa 3345 milioni di M3 rispetto ai 3710 milioni di M3 del 2012 e ai 4.000 milioni di M3 del 2008 e che 93% dell'acqua utilizzata sono stati restituiti all'ambiente in buona qualità.

Ciclo di vita del cartone ...