2015-05-11

Il farmaceutico si sta muovendo

Lascia un commento

C’è un’enorme domanda di prodotti sanitari e sta crescendo rapidamente. Tuttavia, l’industria farmaceutica si trova di fronte a grosse sfide. David Swift, ex-direttore globale dell’approvvigionamento di imballaggi presso Novartis, ha parlato con Pro Carton degli sviluppi attuali e futuri.

Il mercato farmaceutico sta crescendo, ma subirà modifiche notevoli nei prossimi anni a causa dei costi alti, della scadenza dei brevetti, di un mercato sempre più forte dei prodotti generici, di una notevole iper-regolamentazione e delle misure di controllo dei costi nella spesa pubblica. Dunque che cosa può fare l’industria farmaceutica?

“Oltre a fusioni e acquisizioni, altri metodi sono tagliare i costi, concentrarsi sui mercati emergenti, passare dal “modello blockbuster” ai prodotti di nicchia e modificare il proprio modello di distribuzione. Alcune aziende hanno anche spostato all’estero ciò che non doveva necessariamente essere fatto in Europa”, dice David Swift.

La crescita in Europa è alimentata dall’invecchiamento della popolazione. “I mercati crescenti più grossi sono quelli della Cina e degli Stati Uniti e, cosa ancor più interessante, la Germania, seguita da Brasile e Russia. Nei mercati sviluppati il 71 % dei ricavi arriva dai farmaci specialistici. Si tratta di un aspetto importante perché questi prodotti vengono confezionati e venduti in un modo diverso. In genere sono molecole più grosse, molte delle quali biologiche, dunque fragili e che spesso necessitano di refrigerazione oppure che sono confezionati in siringhe. Dunque anche il packaging cambierà.”

Il cambiamento più significativo che avverrà nella distribuzione sarà l’arrivo del modello della vendita diretta alla farmacia che alcune aziende farmaceutiche stanno già utilizzando ora. “O saltano completamente il grossista o preferiscono un modello in cui ne usano solo uno o due, quindi si riduce la distanza tra il produttore dei farmaci e il farmacista.”

Farmaci diversi utilizzano canali diversi, c’è una segmentazione. “Alcuni vanno direttamente alla farmacia, altri direttamente ai pazienti, altri agli ospedali e alcuni al grossista; insomma, c’è un’intera gamma di opzioni diverse. Anche i grossisti si stanno integrando verticalmente e stanno salendo e scendendo nella catena del valore.”

Implicazioni per gli imballaggi farmaceutici
“Per quanto riguarda i sistemi di distribuzione, si sta guardando sempre più alle aree terapeutiche “ad alto valore”, come l’oncologia, l’immunologia, gli antivirali e i farmaci per il sistema nervoso centrale. Per quanto riguarda la tipologia di farmaco, le siringhe pre-riempite, gli autoiniettori/penne per iniezioni e dispositivi combinati cresceranno. I farmaci biologici continueranno a crescere più rapidamente della spesa farmacologica complessiva e si prevede che entro il 2017 rappresenteranno il 19–20 % del valore totale del mercato.”

Secondo Pro Carton, questo preannuncia una serie di nuovi sviluppi nel packaging:

  1. innanzitutto, il packaging dovrà diventare più attraente per rendere commercializzabili i prodotti a marchio dopo la scadenza dei brevetti; inoltre, essi dovranno comunicare il messaggio del marchio;
  2. il packaging dovrà stimolare di più l’acquisto perché medici e pazienti giocheranno un ruolo maggiore nella decisione di acquisto rispetto ad oggi e l’influenza del grossista sta diminuendo.
  3. Ciò vale ancor di più per i prodotti che devono affermarsi in un mercato sanitario più vasto: il loro packaging deve rafforzare la fedeltà del cliente in ogni aspetto e stimolare il riacquisto del prodotto.
  4. Il packaging rispecchierà l’alto valore dei prodotti e il valore dei nuovi prodotti speciali, la cui importanza aumenterà, soprattutto in Europa.
  5. Il packaging diventerà sempre più complesso a causa delle esigenze dei prodotti biologici e delle siringhe, ma anche delle terapie con più farmaci.
  6. Per questo occorrerà che i produttori di imballaggi e confezioni diano un maggior valore alla comodità quando le confezioni complesse in Europa si rivolgeranno ad una popolazione sempre più anziana.
  7. Il packaging diventerà sicuramente più intelligente in termini di informazione e collegamenti a Internet: questo permetterà di ottenere molte più informazioni sui loro meccanismi di azione e sulla loro efficacia.

Ad oggi il mercato del packaging per prodotti farmaceutici ha già presentato soluzioni estremamente sofisticate. Lo sviluppo dinamico del mercato offre al momento nuove possibilità di elaborare concetti creativi per il futuro – unitamente a tutti i partner della filiera del packaging.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *


Pro Carton members, patrons, partners

Barcelona Carton
Pankaboard
WestRock
RenoDeMedici
Storaenso
WEIG-Karton
Metsä Board
Mayr-Melnhof Karton
Mel
Kartonsan
International Paper
Iggesund
Fiskeby
Buchmann Karton
Billerudkorsnas
Kotkamills
International Packaging Group
BOBST
Heidelberg
Sappi
ECMA