Use this contact form if you have any suggestions or questions for us. You’re also welcome to sign-up for our Pro Carton news here. * contrassegna un campo obbligatorio
Sostenibilità

Il compostaggio

Il compostaggio è una soluzione adatta per gestire quella parte del cartone che resta dopo il consumo e che non può essere riciclata come fibra per ragioni tecniche e igieniche.

Il compost può essere fatto con materie prime ad alto contenuto di carbonio, come il cartone, combinate con un materiale contenente azoto. Per le aziende e gli enti locali di gestione rifiuti può trattarsi di un processo alternativo per recuperare parte del flusso dei rifiuti da imballaggio.

 

Differenziazione del cartone in ambito domestico

Carta e cartone vengono raccolti a volte insieme ad altri materiali secchi riciclabili, a volte separatamente. Una volta separati e inviati alla rilavorazione i componenti idonei al riciclaggio, la carta e il cartone residui possono essere utilizzati per il compostaggio, quando siano disponibili gli impianti appropriati. Nell’esempio sotto riportato, gli imballaggi in cartone post-consumo vengono trasformati in ammendanti per il terreno.

 

I benefici del compostaggio degli imballaggi in cartone post-consumo

  • Riduzione dell’invio degli imballaggi in cartone usati in discarica;
  • Recupero e riciclaggio del materiale da imballaggio;
  • Possibilità di ottenere utili ammendanti per il terreno;
  • Alternativa sostenibile alla torba e ai compost di marca;
  • Riduzione dell’invio del cartone usato agli inceneritori;

Progetto di compostaggio Pro Carton / ADAS

Pro Carton e ADAS Consulting hanno collaborato alla definizione di criteri specifici per il compostaggio degli imballaggi in cartone e dei rifiuti agricoli.

Questo lavoro ha dimostrato che i diversi tipi di rifiuti vanno combinati in proporzioni tali da ottenere un rapporto carbonio/azoto ottimale di circa 30:1, che, in una tipica miscela di cartone e fanghi, corrisponde in peso a 3 parti di cartone e 4 parti di fanghi di depurazione. Per ottenere il giusto mix è fondamentale testare in laboratorio le materie prime da cui proviene il carbonio, l’azoto totale, la sostanza secca e i metalli in tracce. Per ottenere il miglior risultato possibile la carta e il cartone devono essere triturati prima di essere mescolati con gli altri materiali.

Poi, con strati alternati di cartone e fanghi, si formano delle andane larghe 2,3 m e alte 1,3 m.

Con una pala caricatrice o con una macchina per il compostaggio si mescola e si rivolta l’andana: questa va rivoltata due volte nella prima settimana, intervallo di tempo entro il quale le temperature saranno salite verso il valore desiderato di 600°C. Poi l’andana va rivoltata ogni settimana fino ad un totale di 8 settimane. Dopo un filtraggio per la rimozione di eventuali impurezze, come la plastica, il compost è pronto all’uso come ammendante per il terreno.

Il compost filtrato ha un bell’aspetto perché ha una consistenza fine, è di color marrone chiaro ed è inodore.

La sua applicazione principale è quella come ammendante per il terreno sia su larga scala che in giardino. Può essere usato anche come sostitutivo dei materiali a base di torba nei compost di marca. È stato usato come ammendante per il terreno quando sono stati piantati alberi nella National Forest dell’Inghilterra centrale.