Use this contact form if you have any suggestions or questions for us. You’re also welcome to sign-up for our Pro Carton news here. * contrassegna un campo obbligatorio
L’efficienza delle risorse

Impronta ecologica

Sebbene l’anidride carbonica ed altri gas serra non siano risorse in quanto tali, essi sono stati citati come indicatori che possono essere utili per misurare l’utilizzo di risorse da parte di un prodotto.

 

Il carbonio fossile

L’impronta ecologica di Pro Carton è di 885 kg/tonnellata di emissioni di CO2 fossile da cartone prodotto e convertito.

L’industria continua a migliorare con un uso più efficiente dell’elettricità, un maggior utilizzo di bioenergia e una maggiore attenzione alla misurazione e al controllo dell’uso dell’acqua.

Il carbonio biogenico

La materia prima del cartone è la fibra di legno, che è la risorsa rinnovabile della foresta gestita in modo sostenibile. Crescendo, gli alberi assorbono e immagazzinano biossido di carbonio (CO2) e quando la fibra di legno viene lavorata per produrre imballaggi in cartone, la CO2 resta all’interno dei prodotti. Inoltre, riciclare imballaggi in cartone mantiene la CO2 all’interno del materiale e ne evita la reimmissione in atmosfera.

Nonostante gli ovvi vantaggi in termini di carbonio presentati dalla materia prima del cartone, attualmente non è ancora stato concordato un sistema per includere il carbonio delle foreste nell’impronta del carbonio dei prodotti derivati dalle foreste. Per portare avanti il dibattito, l’ECMA (l’Associazione europea dei produttori di cartone), con l’aiuto di Pro Carton, ha commissionato uno studio all’Istituto svedese di ricerca ambientale IVL intitolato “Carbon Footprint of Cartons in Europe” (L’impronta ecologica del cartone in Europa).

Lo studio, pubblicato nel 2009, si focalizza sul sequestro del carbonio ad opera delle foreste e suggerisce l’esistenza di un legame tra il consumo di cartone e il sequestro netto di carbonio nelle foreste gestite in modo sostenibile. L’istituto IVL segnala che, in Europa, la domanda di imballaggi in cartone da parte del mercato elimina dall’atmosfera 730 kg di carbonio biogenico per tonnellata media di imballaggi. : -730 kg CO₂ biogenico/tonnellata di imballaggi in cartone.

Lo studio dell’istituto IVL fa da complemento al lavoro di Pro Carton, che ha misurato la quantità equivalente di anidride carbonica emessa dai combustibili fossili usati dall’industria (“cradle-to-gate”): Per il 2014 l’impronta ecologica di Pro Carton è stata di 885 kg/tonnellata di CO₂ equivalente per tonnellata di imballaggi in cartone. Nell’approccio “cradle to gate” (dalla prima all’ultima fase del ciclo di vita), l’emissione di 885 kg/tonnellata di CO₂ fossile equivalente è significativamente compensata dai -730 kg di sequestro di CO₂ di origine biogenica.

Per il 2009 IVL ha anche calcolato l’impronta ecologica media “cradle-to-grave” degli imballaggi di cartone convertiti venduti in Europa, che rappresenta le emissioni totali di gas serra di una tonnellata media di cartone prodotto, convertito e stampato in Europa, prendendo in considerazione l’attuale miscela di utilizzo di fibre vergini e riciclate.

Per ulteriori informazioni sull’impronta ecologica degli imballaggi in cartone, visitare la sezione ambiente del sito sulla sostenibilità.